Blog Tour, Contest, Formaggi, Formazione, Territorio, Tradizione

Tour del Primiero, viaggio sensoriale

Viaggio sensoriale nel Primiero

Viaggio sensoriale nel Primiero, alla scoperta di profumi e ricordi

Da un viaggio sensoriale nel Primiero, uno dei luoghi montani più belli al mondo che cosa ti aspetteresti?

Se chiedessi di riassumere in una sola parola gusto, sapori e sensazioni del formaggio, che parola sceglieresti?

Per me solo una parola  riassume  inequivocabilmente tutto quello che un pezzo di formaggio racchiude.

Penserete che sono impazzita, ma non è così!

Il latte, la cagliata, l’affinatura e la stagionatura sono importantissime, ma dove tutto nasce è l’alpeggio.

Vedere le mucche libere al pascolo in alta montagna, non vi da un senso di libertà ?

Ecco perché voglio scrivere questo articolo, proprio adesso che le mucche sono in alpeggio a mangiucchiare erba e fiori freschi, respirare aria buona.  Solo da questo ambiente “stabile” può nascere un formaggio speciale.

Come diceva H.D.Thoreau “Il Paradiso è sotto ai nostri piedi e sopra le nostre teste”

Ricordi che riaffiorano attraverso sensi 

Da bambina ero spesso malaticcia.  Nelle mie lunghe degenze sotto le coperte leggevo e fantasticavo.  Mi immaginavo adulta, che viaggiavo sempre.

Il mare è stato  il mio primo amore, ma quando a  5 anni ho visto per la prima volta una mucca, la montagna mi aveva già stregato.

Mio papà teneva in braccio mia sorella  terrorizzata da una enorme mucca, mentre io mi avvicinavo per toccarla.  Poi una grossa e bagnata leccata alla mano mi ha fermata ma è stato amore. Da quel giorno amo la montagna e tutto quello che la montagna offre.

Per me la montagna è sempre stato sinonimo di famiglia, amici, camminate e grandissime mangiate.

Ma soprattutto un viaggio sensoriale

Bellissime sensazioni che scaturivano dal correre sui prati raccogliendo fiori  oppure bevendo un bicchiere di latte appena munto.

A marzo ho  passato qualche giorno nel Primiero.

Ho avuto la possibilità di conoscere storia e trasformazione del latte  in formaggio, vedendo le fasi salienti della lavorazione del latte.

Da appassionata e studiosa di formaggi per nulla al mondo avrei perso questo viaggio sensoriale!

Il programma del viaggio sensoriale nel primiero era fitto di cose da fare e da vedere.

Caseificio Sociale del Primiero e la sua produzione

La visita al Caseificio Sociale del Primiero è iniziata presto con la produzione della Toséla del Primiero.

San Martino di Castrozza - 4

Direttamente con i casari abbiamo potuto assistere alle varie fasi della lavorazione.

Ci ha accompagnato il direttore del Consorzio spiegandoci che la raccolta del latte viene fatta due volte al giorno direttamente dalle malghe. Dalla mungitura all’arrivo in caseificio passano mediamente solo 2 ore.

E’ il rispetto della materia prima che permette di avere un formaggio che  è una vera  esplosione di sapori e profumi.

Un vero viaggio sensoriale nel mondo del latte e del formaggio!
IMG_9363 San Martino di Castrozza - 12 San Martino di Castrozza - 14

Ci siamo divertite molto a scoprire le camere di stagionatura ed essere immerse in quel paradiso di profumi.

viaggio sensoriale nel Primiero

 

Ma è solo alla fine della visita che ho capito perché la parola importante in questo viaggio sensoriale  è Alpeggio.

Il viaggio sensoriale grazie al Progetto Prati

Il Caseificio è in prima linea in una iniziativa che si chiama Progetto Prati.

L’obiettivo, che coinvolge tutto il territorio, è quello di difendere ed incoraggiare l’uso dei metodi tradizionali, come lo sfalcio d’erba a mano.

Incentivare le attività sportive eco-sostenibili come le passeggiate, l’utilizzo della bici e del cavallo.

In questo progetto il Caseificio del Primiero è impegnato in prima linea sostenendo e aiutando gli allevatori ad una maggiore consapevolezza.

San Martino di Castrozza - 16

Il Caseificio inizia ad occuparsi del latte partendo dal prato. Da questo rispetto del prato si vuole arrivare a produrre prodotti sani ed etici, rispettosi dell’ambiente e delle persone che ci lavorano.

Producono tre presidi Slow Food, il Puzzone di Moena, il Trentingrana di latte crudo d’alpeggio stagionato 18 mesi e, come ultimo fiore all’occhiello, il Butìro.

Il Butìro, burro di panna cruda presidio Slow Food, viene prodotto solo in estate in una malga della Val Venoi, ed è il  frutto di questo processo di buone pratiche messe in atto.

San Martino di Castrozza - 19

Che dire un viaggio  sensoriale a 360° . Vedere con quanta passione e sacrificio si arriva ad ottenere prodotti così buoni mi conforta.   So che raccontare la loro storia potrà sostenere delle buone pratiche.

Tutto questo formaggio ci ha fatto venire fame e sete…

Vi consiglio di leggere il post Canederli Tirolesi per tutti i gusti scritto da Paola Sartori del Blog Prelibata. Vincitrice del Contest dedicato ai Canederli, con una ricetta meravigliosa.

Ma il viaggio sensoriale nel Primiero ha fatto riaffiorare in lei ricordi d’infanzia emozionanti.

Cant del Gal

Ringrazo Nicola e Marzia, gli attuali proprietari del Cant del Gal. Ci  hanno ospitato per un meraviglioso pranzo a base di prodotti locali. Non sono mancati  i Canederli, oggetto nel nostro Contest

San Martino di Castrozza - 1 San Martino di Castrozza - 21 San Martino di Castrozza - 3

Una sorpresa molto gradita l’incontro con Elisa di Erborì.  Per scoprire come la tradizione e la passione delle erbe aromatiche possa diventare tutela del territorio e professione.

Leggete il post di Monica Campaner. La Valle del Primiero una valle sostenibile, grande appassionata di erbe che meglio di me sa raccontarvi questa esperienza.

Non poteva mancare una passeggiata nel Parco di Paneveggio. Sulla slitta con le ruote nel parco di Villa Welsperg.

San Martino di Castrozza - 23

Mezzano e la rinascita di uno dei Borghi più belli d’Italia

Un bellissimo fuori programma è stata la visita a Mezzano, un piccolo borgo di montagna poco distante da Fiera di Primiero, che ha rischiato l’isolamento a causa della costruzione di una nuova strada

San Martino di Castrozza - 30 San Martino di Castrozza - 29 San Martino di Castrozza - 24

L’oculatezza dell’amministrazione pubblica e una comunità unita hanno invece saputo far rinascere Mezzano e farlo diventare uno dei Borghi più belli d’Italia.

Prendetevi due ore di tempo e perdetevi nei suoi vicoli silenziosi . Scoprirete seguendo un ipotetico filo di Arianna come le case sono state recuperate. Si legano con le sculture di cataste di legna, per arrivare alla bottega della Tessitrice. Scoprirete mani sapienti che utilizzando gli strumenti antichi sanno ancora creare oggetti di inestimabile valore.

San Martino di Castrozza - 27 San Martino di Castrozza - 26 San Martino di Castrozza - 28

 

Avrete capito che un viaggio sensoriale nel  Primiero significa  tanto da vedere e da scoprire?

Dovete solo organizzarvi una gita, perchè spiegare sensazioni e  sapori non è semplice.

Visitate questi luoghi vi regaleranno bellissimi momenti da ricordare!


Eventi da non perdere a Settembre nel Primiero 

7-9 Settembre 2018:Festa delle Brise. Tre giorni dedicati ad una delle bontà del bosco: il Porcino

16 Settembre 2018: Spätzli in piazza in Val VanoiDegustazione di vari tipi di späzli e di dolci della tradizione. Musica e mercatini di prodotti tipici.

 20-23 Settembre 2018 :Gran festa del Desmontegar. Evento per festeggiare il rientro delle mandrie dall’alpeggio estivo.

Tra pascoli ricchi di erbe profumate. Una festa che dura quattro giorni. La domenica, ultimo giorno, è il momento culminante pieno di iniziative dedicate ai prodotti caseari e di una golosa rassegna gastronomica. In questi giorni di festa  dell’ultimo week end di Settembre i ristoranti e gli agriturismi, propongono menù speciali. Tutto a rendere omaggio al formaggio del Primiero di malga. Vini Trentini e da qualche anno alla birra artigianale Bionoc, saranno abbinati alle pietanze tipiche.

 

Il miglior modo per assaggiare i formaggi del Primiero, è in purezza.

Tagliatene un pezzetto, mettetelo in bocca senza masticare chiudete gli occhi e cominciate ad assaporarne il gusto e le sensazioni che sprigionano…vi troverete immersi in un modo che profuma di prati, fiori, latte ed aria buona.

 

Ciao Erica

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Comments *